๐—”๐—น๐˜๐—ฎ๐—ฟ๐—ฒ ๐—ฑ๐—ฒ๐—น๐—น๐—ฎ ๐—ฟ๐—ฒ๐—ฝ๐—ผ๐˜€๐—ถ๐˜‡๐—ถ๐—ผ๐—ป๐—ฒ ๐Ÿฎ๐Ÿฌ๐Ÿฎ๐Ÿฎ

๐—”๐—น๐˜๐—ฎ๐—ฟ๐—ฒ ๐—ฑ๐—ฒ๐—น๐—น๐—ฎ ๐—ฟ๐—ฒ๐—ฝ๐—ผ๐˜€๐—ถ๐˜‡๐—ถ๐—ผ๐—ป๐—ฒ ๐Ÿฎ๐Ÿฌ๐Ÿฎ๐Ÿฎ

Signore, ci mettiamo alla tua presenza,
uno davanti allโ€™altro, sguardo nello sguardo,
per imparare a guardarci con i tuoi occhi!
Occhi che anticipano, occhi che conoscono,
occhi che vanno oltre le apparenze e le mancanze, occhi che sanno guardare fino in fondo all’anima! Occhi che amano!
Fa’ che sappiamo guardarci e amarci cosรฌ anche noi! Fa’ che, come quella donna sappiamo trovare modi per esprimerti il nostro affetto e per imparare da te un amore libero da timori e pregiudizi. Grazie, Signore, per la delicatezza infinita che hai verso di noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarร  pubblicato.