๐——๐—ผ๐—ป ๐— ๐—ฎ๐˜๐˜๐—ฒ๐—ผ ๐—ป๐—ผ๐—บ๐—ถ๐—ป๐—ฎ๐˜๐—ผ ๐—ฎ๐—ป๐—ฐ๐—ต๐—ฒ ๐—”๐—บ๐—บ๐—ถ๐—ป๐—ถ๐˜€๐˜๐—ฟ๐—ฎ๐˜๐—ผ๐—ฟ๐—ฒ ๐—ฃ๐—ฎ๐—ฟ๐—ฟ๐—ผ๐—ฐ๐—ฐ๐—ต๐—ถ๐—ฎ๐—น๐—ฒ ๐—ฑ๐—ฒ๐—น๐—น๐—ฎ ๐—ฃ๐—ฎ๐—ฟ๐—ฟ๐—ผ๐—ฐ๐—ฐ๐—ต๐—ถ๐—ฎ ๐—ฑ๐—ถ ๐—ฃ๐—ฎ๐—น๐—ผ๐—บ๐—ฏ๐—ฎ๐—ฟ๐—ผ

๐——๐—ผ๐—ป ๐— ๐—ฎ๐˜๐˜๐—ฒ๐—ผ ๐—ป๐—ผ๐—บ๐—ถ๐—ป๐—ฎ๐˜๐—ผ ๐—ฎ๐—ป๐—ฐ๐—ต๐—ฒ ๐—”๐—บ๐—บ๐—ถ๐—ป๐—ถ๐˜€๐˜๐—ฟ๐—ฎ๐˜๐—ผ๐—ฟ๐—ฒ ๐—ฃ๐—ฎ๐—ฟ๐—ฟ๐—ผ๐—ฐ๐—ฐ๐—ต๐—ถ๐—ฎ๐—น๐—ฒ ๐—ฑ๐—ฒ๐—น๐—น๐—ฎ ๐—ฃ๐—ฎ๐—ฟ๐—ฟ๐—ผ๐—ฐ๐—ฐ๐—ต๐—ถ๐—ฎ ๐—ฑ๐—ถ ๐—ฃ๐—ฎ๐—น๐—ผ๐—บ๐—ฏ๐—ฎ๐—ฟ๐—ผ

โ€œQuesta mattina lโ€™Arcivescovo mi ha nominato anche Amministratore Parrocchiale della Parrocchia del Ss. Salvatore in Palombaro dal 1ยบ settembre.
Ringrazio Padre Bruno per la stima e la fiducia che ancora una volta riserva alla mia persona affidandomi questo nuovo servizio nella nostra Chiesa diocesana.
Lo scorso 27 giugno, giorno del mio anniversario di ordinazione, scrissi cosรฌ: โ€œLe mie mani per darTi una mano…โ€. Il Signore ha preso subito quel giorno in parola le mie parole chiedendomi, attraverso il Vescovo, di โ€œdargli una manoโ€ nella costruzione del suo Regno anche nella Comunitรก cristiana di Palombaro.
Alla Comunitรก di Palombaro chiedo di pregare per me perchรฉ possa donare anche a voi, in questo tempo che ci รจ concesso camminare insieme, quel poco che ho e che cerco di donare ogni giorno alla mia Comunitรก di Fara San Martino: la meraviglia della vita, la gioia della fede, la tenerezza dellโ€™amore di Dio.
Alla cara Comunitรก di Fara San Martino, che ringrazio per quanto mi dona ogni giorno, chiedo, di continuarmi a custodire e sostenere nella preghiera come sposa premurosa e fedele. Con la Chiesa di Palombaro siamo chiamati in questo anno a camminare insieme come Chiese sorelle, e a farci posto lโ€™una del cuore dellโ€™altra.
La Vergine Maria, Regina del Suffragio e Regina Assunta, e San Benedetto da Norcia che amano e custodiscono la storia e la testimonianza di queste due comunitร  cristiane mi educhino e mi insegnino a conoscerle, amarle e servirle con umiltร  e con gioia in questo tempo che mi รจ donatoโ€.
don Matteo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarร  pubblicato.